VOTO DOMICILIARE PER ELETTORI AFFETTI DA INFERMITÀ CHE NE RENDANO IMPOSSIBILE L’ALLONTANAMENTO DALL’ABITAZIONE

Data di pubblicazione:
13 Agosto 2022

Gli elettori affetti da grave infermità o che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali, o affetti da gravissime infermità tali che l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano risulti impossibile anche con l’ausilio del trasporto pubblico che i comuni organizzano in occasione delle consultazioni elettorali, possono avvalersi del voto domiciliare.
 
In forza della Legge n. 22/2006 l’opportunità del voto a domicilio è ammessa in occasione delle elezioni della Camera, del Senato, dei membri del Parlamento europeo e delle consultazioni referendarie disciplinate da normativa statale.
 
Per l'elezione del Presidente della Regione e del consiglio Regionale e per l'elezione dei sindaci e dei consigli comunali, le norme sul voto a domicilio si applicano soltanto nel caso in cui l’avente diritto al voto domiciliare dimori nell’ambito del territorio, rispettivamente, della regione e del comune per cui è elettore.
 
MODALITA’ DI ESERCIZIO DEL VOTO A DOMICILIO
 
E’, innanzitutto, necessario richiedere la certificazione sanitaria che attesti la grave infermità (dipendenza da elettromedicali o “intrasportabilità”).
Per gli elettori del Comune di Cellere tale certificazione viene rilasciata da medici incaricati dalla ASL di Viterbo – Ufficio Medicina Legale di Tarquinia, situata presso l’Ospedale di Tarquinia in Via Igea, 1 - II piano - stanza n.43.
La certificazione deve essere rilasciata in data non anteriore ai 45 giorni dalla data delle consultazioni elettorali.
In caso di elettori per i quali l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano risulta impossibile anche con l’ausilio dei servizi messi a disposizione dal Comune, la certificazione deve avere una prognosi non inferiore ai 60 giorni.
 
L’anzidetta certificazione deve essere, necessariamente, allegata, unitamente alla copia della propria tessera elettorale, alla “dichiarazione di voler esercitare il diritto di voto a domicilio”  da presentare al Sindaco del comune nelle cui liste elettorali si è iscritti nel periodo compreso tra il quarantesimo e il ventesimo giorno antecedente la data della votazione, pertanto a far data dal 16 agosto 2022 e fino al 5 settembre 2022.
 
Il voto viene raccolto, durante le ore in cui è aperta la votazione, da un apposito seggio (seggio speciale) composto dal presidente dell’ufficio elettorale di sezione, da uno scrutatore e da un segretario. Il presidente deve assicurare la libertà e la segretezza del voto.


 

Ultimo aggiornamento

Sabato 13 Agosto 2022